Zuppa Valpellinentze

Zuppa Valpellinentze
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share

Dettagli ricetta

. Difficoltà: Facile . Dosi: 4 persone . Tempo di preparazione: 40 minuti . Varietà: Zuppe . Ricorrenze: Natale

Descrizione

La zuppa valpellinentze o anche detta zuppa alla valdostana, è un piatto povero tipico della Val D’Aosta che si prepara di solito nel periodo natalizio.
Originaria del villaggio di Valpelline, a pochi chilometri a Nord di Aosta, è un piatto sostanzioso, calorico, adatto per le fredde giornate invernali tipiche di questi luoghi.
Così come vi sono molti modi di chiamare questa zuppa, anche le sue preparazioni cambiano: dalle famiglie, ai vari piccoli paesi, la zuppa si può gustare in molti modi differenti.
É decisamente il piatto ideale da gustare al termine di una discesa sulle piste o di una ciaspolata sulla neve!
La versione che vi proponiamo prevede l’aggiunta di Grana Padano, che crea quella fantastica crosticina che si sposa perfettamente con il cuore morbido dato dalla Fontina.

Ingredienti

q.b Pane nero (o di segale)
1 lt di brodo di carne
1 cavolo verza
50 g di pancetta dolce
150 g Fontina
100 g di Grana Padano Oltre 16 mesi
50 g burro
Sale e pepe

Procedimento

Pulite e mondate il cavolo verza eliminando le foglie esterne e le coste più dure. Tagliatelo sottilmente ma in modo irregolare.
In una padella fate rosolare la pancetta, aggiungete il cavolo e fate cuocere per 2 minuti. Sfumate con 200 ml di brodo e fate cuocere per altri 8 minuti.
A questo punto prendete una pirofila (meglio se di terracotta) e ungetela con il burro.
Sistematevi le fette di pane tagliate (fate attenzione a non tagliarle troppo sottili), il cavolo verza precedentemente cotto, la Fontina tagliata a tocchetti e spolverizzate con il Grana Padano grattugiato.
Procedete cosi per un altro strato.
Bagnate il tutto con il restante brodo di carne e fate cuocere in forno a 180° per 20 minuti.
La zuppa non deve essere né troppo morbida, né troppo secca.
Fate raffreddare 5 minuti prima di servirla.

Un’idea: se volete, potete creare delle mini-porzioni in piccole ciotole di terracotta da servire direttamente in tavola ai vostri ospiti!
Monica Chiocca
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner