PRODUZIONI PROVINCIALI GRANA PADANO

17/01/2017

PRODUZIONI PROVINCIALI GRANA PADANO

I caseifici delle province orientali della Lombardia hanno prodotto nel 2016 più della metà delle forme di Grana Padano. Mantova si conferma leader con 1.422.528 forme, seguita da Brescia con 1.072.503 forme. La produzione del 2016 è salita a 4.859.592 forme, con un aumento dell’1,20% rispetto al 2015.

I 28 caseifici della provincia di Mantova e i 28 del Bresciano hanno prodotto nel 2016 poco più del 51% delle forme di Grana Padano. Mantova ha raggiunto la soglia di 1.422.528 forme, con un aumento dello 0,39% rispetto al 2015. Brescia invece ha raggiunto 1.072.503 forme, con l’1,75% in più. Al terzo posto si conferma Cremona, con 851.248 forme e un incremento di 25.101 forme lavorate in 9 caseifici, secondo solo all’aumento di 27.099 forme registrato dai 12 caseifici di Vicenza e che porta il totale provinciale a 323.362 forme e al quinto posto nella graduatoria per province. Ai piedi del podio i 19 caseifici di Piacenza, quarta con 543.901 forme ed un aumento di 9.595 (+1,79%).

In sesta posizione Trento, con 143.169 forme lavorate in 17 siti produttivi e con il 7,89% in più, davanti ai 9 caseifici di Verona, che scende a 130.609 forme (-17,8%) e ai 2 di Padova, stazionaria con 122.012 forme.

Sotto le centomila forme prodotte su base provinciale i 4 caseifici di Lodi a 88.253 e i 3 di Bergamo con 84.839 confermano il dato 2015, mentre i 3 impianti di Cuneo con 44.371 segnano un aumento del 6,72%. Chiudono Pavia, dove i 2 caseifici si fermano a 16.523 forme e registrano un calo del 48% sull’anno precedente, e il caseificio di Rovigo, che con 16.274 forme cresce del 5,09%.

Tutti i dati sono riportati nella tabella e nel grafico.

 

tabella produzioni
grafico produzioni
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner