I MONACI DI CHIARAVALLE INCONTRANO IL GRANA PADANO

10/12/2021

Il 13 dicembre si ripercorre in un breve viaggio il cammino iniziato nel 1135. Visiteranno il caseificio “Zucchelli” e la sede del Consorzio di Tutela.
Berni: “Siamo onorati di una presenza che sarà parte anche del nostro futuro”

 
Un viaggio nel cuore della pianura Padana che pare un rapido percorso nella storia del formaggio a denominazione d’origine protetta più antico e più consumato nel mondo. È quello che compiranno lunedì 13 dicembre i monaci cistercensi dell’Abbazia di Chiaravalle, nel Parco Sud Milano, il luogo dove secondo tradizione consolidata nel 1135, anno di fondazione del complesso monastico, fu creato il caseus vetus, che nel 1954 fu denominato Grana Padano, con la nascita del Consorzio di Tutela.

I monaci infatti, accompagnati dal Direttore Amministrativo del Consorzio, Giuseppe Saetta, visiteranno innanzitutto il Caseificio “Zucchelli” ad Orio Litta, uno dei più antichi e nel cuore del Lodigiano, territorio dove si sviluppò ben presto la lavorazione del “formai de grana”, come lo chiamava il popolo, dalla pasta dura e granulosa e dalla lunga stagionatura, che con la specifica di “lodesano” fu tra i più conosciuti ed apprezzati. A guidarli tra le caldaie della lavorazione del latte ed i magazzini di stagionatura delle forme Ambrogio Abbà, presidente del caseificio.

Gli ospiti raggiungeranno poi la sede del Consorzio di Tutela a Desenzano del Garda, in provincia di Brescia, dove visiteranno gli uffici e le strutture cuore dell’attività di promozione, valorizzazione e controllo sulla produzione e la commercializzazione del Grana Padano DOP. Ad accoglierli i vertici del Consorzio per uno scambio di saluti e la benedizione.

“Questa visita articolata ed il momento religioso che la concluderà ci onorano profondamente – spiega il Direttore Generale del Consorzio di Tutela, Stefano Berni –, ma soprattutto sono il segno di un rinnovato e strettissimo legame tra il Consorzio Grana Padano e tutti gli addetti che esso rappresenta a vari livelli e la comunità monastica che a Chiaravalle custodisce e valorizza un luogo sacro, importante per la storia dell’Europa e fondamentale per quella di migliaia di produttori di latte, di imprenditori e di lavoratori che in un anno producono oltre 5,2 milioni di forme e ne esportano circa 2,2 milioni. Con ancora maggiore determinazione, quindi, sosterremo l’attività e l’immagine dell’Abbazia di Chiaravalle che fa parte del nostro passato e lo sarà anche del nostro futuro”.