GRANA, DECRETO ETICHETTATURA: - BENE RENZI, MARTINA E CALENDA. EUROPA CI ASCOLTI

31/05/2016

GRANA, DECRETO ETICHETTATURA: - BENE RENZI, MARTINA E CALENDA. EUROPA CI ASCOLTI
Il direttore Berni: “Finalmente passo concreto verso trasparenza e rispetto. Attendiamo Europa”

GRANA, DECRETO ETICHETTATURA: BENE RENZI, MARTINA E CALENDA. EUROPA CI ASCOLTI

Il direttore Berni: “Finalmente passo concreto verso trasparenza e rispetto. Attendiamo Europa”

Milano, 31 maggio 2016 – “Finalmente. Trasparenza. Speranza. Sono le tre parole chiave con cui desidero commentare la firma del “decreto interministeriale per l'origine in etichetta per il latte e i prodotti trasformati”, da parte del premier Matteo Renzi e dei Ministri Maurizio Martina (Mipaaf) e Carlo Calenda (Mise), annunciata oggi dallo stesso premier davanti alla platea di Coldiretti. Finalmente, perché sono anni che ci battiamo in tutte le sedi preposte per sollecitare una soluzione definitiva in merito a questo dramma legalizzato che continua a danneggiare i produttori e i consumatori; trasparenza, perché è un diritto poter scegliere liberamente cosa acquistare e lo si può fare solo avendo le informazioni necessarie, senza essere confusi dalla mancanza di chiarezza riscontrata su moltissimi prodotti similari; speranza, perché auspichiamo che questo decreto possa essere sufficiente, insieme all’impegno del Premier Renzi e dei Ministri co-firmatari, a convincere l’Europa che sul mercato italiano dovranno approdare solo prodotti in cui sia riportata chiaramente in etichetta l’origine delle materie prime”.

Con queste parole Stefano Berni, direttore generale del Consorzio Grana Padano, commenta l’intervento del Premier Matteo Renzi tenuto oggi durante la Giornata nazionale del latte di Coldiretti presso Milano Congressi (Milano). Il Premier, tra le altre cose, ha presentato il “decreto interministeriale per l'origine in etichetta per il latte e i prodotti trasformati”, a triplice firma: Renzi, Martina (Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali) e Calenda (Ministro per lo sviluppo economico), da molto atteso nel mondo lattiero caseario di cui il Consorzio Tutela Grana Padano è autorevole riferimento.

“Le recenti aperture dell’Europa in materia di etichettatura – spiega Stefano Berni – ci fanno ben sperare perché non possiamo più reggere una situazione del genere. Oltre ad un danno economico, è uno spregio nei confronti dei consumatori che sono quotidianamente ingannati e non se ne rendono conto. Nei negozi e nei supermercati è forte e in continua crescita la presenza di prodotti che per aspetto, presentazione e packaging sembrano uguali a quelli DOP o IGP, ma che nulla hanno a che vedere con il livello qualitativo degli stessi. Un danno che, solo per il Grana Padano, vale 1 miliardo di euro, 700 milioni all’estero e 300 milioni in Italia. Si pensi, poi, che nel segmento dei grattugiati il 36% è Grana Padano, il 14% è Parmigiano Reggiano e il 50% è rappresentato dai similari, provenienti per la maggior parte dall’estero”.

 “A questo punto – conclude Berni – con la firma di questo decreto e la garanzia dell’impegno da parte del Governo in tale ambito, abbiamo la certezza di non essere soli in questa battaglia che portiamo avanti da sempre. Noi ci siamo, e siamo pronti ad affiancare le Istituzioni nelle azioni che vorranno mettere in campo per risolvere questo annoso problema”.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner