FORMAGGI DOP SENZA TUTELE IN GIAPPONE

24/01/2018

Il Grana Padano DOP, il formaggio a denominazione d’origine protetta più consumato nel mondo, e tutti i formaggi italiani a denominazione non avranno adeguata tutela in Giappone, perché non sono compresi nell'accordo siglato con l'Ue, che di fatto consentirà l'italian sounding.

Lo rende noto Assolatte, che era riuscita a far inserire nella bozza d’intesa dieci formaggi DOP italiani. «Il contenuto dell'accordo siglato qualche settimana fa ma reso noto soltanto ora - fa sapere Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte e vice presidente del Consorzio Tutela Grana Padano - prospetta un futuro tutt'altro che positivo per il nostro export di formaggi in Giappone».

Saranno tutelati, ad esempio, i nomi composti Grana Padano e Pecorino Romano, ma chiunque potrà produrre o vendere un ''grana'', un ''padano'' o un ''romano'' realizzato dovunque e senza regole.

Ancora più preoccupante per la Coldiretti è il negoziato in corso con i paesi del mercato comune dell’America meridionale di cui fanno parte Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay (Mercosur). Sulle 291 denominazioni italiane Dop/Igp riconosciute dall’Unione Europea è stata prevista una lista di appena 57 tipicità da tutelare ma, scrive l’organizzazione agricola, su 30 di queste sono state già presentate opposizioni.

  Approfondimento
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner