Grana Padano: no al cibo sintetico

Il Consorzio di tutela sostiene la lungimirante e coraggiosa scelta della Presidente Meloni e del Ministro dell’agricoltura Lollobrigida. Le provocazioni, gli artifici e le fake news nascono per sostituirsi a tradizioni consolidate ed economie radicate nei territori

Il Consorzio per la Tutela del Formaggio Grana Padano saluta con grande soddisfazione la decisione del Governo di bandire il cibo sintetico. La lungimirante e coraggiosa scelta della Presidente Meloni e del Ministro Lollobrigida rappresentano una convinta tutela per i consumatori e per i produttori italiani. La storica decisione arriva in un momento in cui i tentativi di attacco al cibo italiano e alla sua candidatura a Patrimonio Immateriale dell’Umanità si moltiplicano.

Il Financial Time, attingendo a notizie parziali e a boutade provocatorie, tese solo ad alimentare uno stupore atto a generare notorietà a buon mercato, diventa uno strumento dei detrattori che, sperando di distruggere una certezza mondiale, quali sono il pregiato cibo italiano e la benefica cucina mediterranea, auspicano di trovare nuovi spazi nella new economy dei tempi attuali. Cioè quella del cibo che attrae interessi e investimenti dalla non più espansiva vecchia new economia della Silicon Valley e dintorni che continua a “liberare” mano d’opera e capitali attratti dagli oltre venti miliardi di pasti giornalieri che si realizzeranno via via progressivamente nel 2050.

La storia dell’economia mondiale e, conseguentemente, la geopolitica, sono piene di provocazioni, strumentalizzazioni, artifici e fake news finalizzate ai new business che nascono per sostituirsi a tradizioni consolidate ed economie radicate nei territori, alimentate dalla realtà.

Solo un esecutivo solido, lungimirante e coraggioso poteva legiferare contro le prime emersioni dell’inganno del secolo teso a produrre nuovi profitti a danno dei cittadini consumatori e dei produttori.