CRESCE LA PROTESTA CONTRO LE ETICHETTE A SEMAFORO

11/05/2017

CRESCE LA PROTESTA CONTRO LE ETICHETTE A SEMAFORO

Il Grana Padano DOP e l’olio d’oliva colpiti dalle etichette a semaforo rosso e al contrario bevande note e gassate premiate da bollino verde. È la situazione paradossale denunciata da Coldiretti anche nei territori. L’ultima presa di posizione arriva da Como e Lecco, che potrebbe avere pesanti ripercussioni sull’economia agricola dell’Italia, della Lombardia e del territorio lariano. A provocarla la contestatissima etichettatura a semaforo, che in Francia e Gran Bretagna punisce prodotti come il Grana Padano DOP e l’olio d’oliva che sono invece sarebbero addirittura consigliati per la dieta mediterranea.

Coldiretti chiede quindi di uniformare la normativa. Per sollecitare chiarezza e giustizia è nata l’Alleanza Europea contro i sistemi di etichettatura a semaforo, alla quale aderiscono gli allevatori e i produttori comaschi e lecchesi, arrabbiati come migliaia di loro colleghi.

«L’etichettatura definita a semaforo – commenta il Presidente della Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi – è una vera e propria beffa, sia per chi produce cibi che per chi li consuma. Non è possibile che l’Europa stia in silenzio mentre i produttori di casa nostra vengono danneggiati».

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner