BERNI: «POSITIVA LA PRUDENZA DIMOSTRATA DAI CASEIFICI NEI PRIMI CINQUE MESI DEL 2021»

18/06/2021

BERNI: «POSITIVA LA PRUDENZA DIMOSTRATA DAI CASEIFICI NEI PRIMI CINQUE MESI DEL 2021»
Il direttore generale sconsiglia aumenti produttivi nei prossimi mesi. La ripresa graduale dell’Ho.Re.Ca. potrebbe infatti far calare i consumi di Grana Padano Dop.

Lieve avanzamento nella produzione di Grana Padano Dop a maggio 2021 che rispetto allo stesso mese dell’anno precedente ha messo a segno un incremento limitato (0,19%). Nei primi cinque mesi di quest’anno la produzione è cresciuta solo dello 0,65%.

«La prudenza manifestata dai caseifici in questi primi cinque mesi dell’anno è positiva – ha commentato il direttore generale del Consorzio di tutela del Grana Padano Dop, Stefano Berni – considerato il rallentamento dei consumi retail in Italia registrato da gennaio ad aprile 2021. Secondo le rilevazioni Iri il Grana Padano ha perso infatti il 4%, il Parmigiano Reggiano il 3,1% mentre i similari sono aumentati del 13,4%. 
Una tendenza destinata ad accentuarsi nei prossimi mesi – ha avvertito il direttore generale – contestualmente alla ripresa graduale dell’Ho.Re.Ca, canale che notoriamente vede i similari prevalere con uno share del 50% e il Grana Padano seguire a quota 35%. È quindi fondamentale, anche per i prossimi mesi, evitare crescite produttive che potrebbero rivelarsi deleterie»


Per quanto riguarda l’export febbraio 2021 ha recuperato, dopo il rallentamento osservato a gennaio, (anche se con un giorno in più) con un +5,4% grazie ai progressi registrati dalle spedizioni di Gran Padano Dop sui  mercati degli Stati Uniti e del Canada.