Miele di Eucalipto

Il miele di eucalipto è prodotto nell’Italia peninsulare e nelle isole dal nettare dell’Eucalyptus camaldulensis. Originario dell’Australia è presente dai primi dell’Ottocento nella zona costiera di diverse regioni, nella maggior parte è considerata specie naturalizzata, solo in Sardegna è considerata invasiva. Negli anni trascorsi si pensava che, grazie ai terpeni contenuti nelle sue foglie, tenesse lontana la zanzara anofele, vettore della malaria. Di fatto il fenomeno è invece legato al prosciugamento del terreno effettuato dai rimboschimenti con eucalipto. Per questo è ancora presente in grande quantità soprattutto nelle aree bonificate.

Caratteristiche:
  • Colore: da ambra chiaro a scuro se liquido, marrone-grigio da cristallizzato.
  • Odore: di media intensità, proteico di funghi porcini, liquerizia, caramello.
  • Aroma e sapore: di media intensità, caramella mou, liquerizia, dulce de leche, caramello salato, normalmente dolce con possibile leggero salato.
Si tratta di un abbinamento piacevole e ben equilibrato nel quale si riscontra una concordanza con le note aromatiche e gustative del Grana Padano dai 16 ai 20 mesi; note che iniziano a mostrare una certa complessità e, come per il miele di eucalipto, non eccedono in intensità.

Modalità di servizio:
Il consiglio è quello di servire sempre i mieli in assortimento, magari due molto diversi, e lasciare che sia il gusto di ogni commensale a stabilire la propria graduatoria di preferenza. I mieli non vanno mai messi sul formaggio prima del servizio, sia perché rappresenterebbero una scelta obbligata, sia perché il miele, caratterizzato da un’elevata pressione osmotica, tenderebbe ad assorbire i liquidi salati del formaggio con il quale entra in contatto anche nel giro di pochissimi minuti. L’invito è a provare prima i prodotti presentati da soli, quindi a testare i diversi abbinamenti. 
Il contenitore di servizio può essere una piccola salsiera o una ciotolina, con l’utilizzo di un cucchiaino per travasare il miele. Mieli liquidi e mieli cremosi possono essere utilizzati tal quali. Mieli a cristallizzazione compatta possono essere amalgamati, anticipatamente al travaso dal barattolo al contenitore di servizio, per rendere la massa malleabile, grattando dalla superficie  la quantità necessaria.

Curiosità

E’ facilmente reperibile, sia nelle zone di produzione che nella grande distribuzione.
Con lo stesso nome di miele di eucalipto è possibile trovare in commercio il miele di Eucalyptus occidentalis, a fioritura autunnale. La cristallizzazione è generalmente molto sottile e pastosa.
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner