Grana Padano DOP: lo “schiavino” fa l’abito, da sposa

Grana Padano DOP: lo “schiavino” fa l’abito, da sposa
Il vestito nuziale della blogger scienziata Lisa Casali realizzato con i teli usati per avvolgere le forme: “Vado fiera di questa scelta di circolarità ed eccellenza”. Berni: “Investiamo su sostenibilità ambientale e benessere animale”.

La forma di Grana Padano DOP appena tagliata nella caldaia viene avvolta in un telo di lino, che da generazioni si chiama “schiavino”. Parte dunque con un dolce e morbido abbraccio la vita di una forma, che stagionerà per mesi, da nove a venti e più. 
Ma può quella delicata carezza proseguire anche dopo aver accolto 15 forme, non di più, come vuole la tradizione dei casari? Sì, rispondono al Consorzio Tutela Grana Padano, che ha donato alcuni schiavini a Lisa Casali - seguitissima blogger che da sempre sostiene l’impegno per la natura - per realizzare il suo abito da sposa. 

Indossare quest’abito è un’emozione fortissima, un sogno che diventa realtà" - racconta sui social la neo sposa, ritratta insieme al marito e nell’abito candido che profuma di buono - "Scegliere un tessuto che parla di circolarità, sostenibilità, eccellenza, artigianalità come quello di cui mi fatto dono il Consorzio è una scelta di cui vado particolarmente fiera e che ha contribuito a rendere ancora più speciale questo giorno”.

Sostenibilità per la tutela dell’ambiente e del lavoro, benessere animale e sicurezza alimentare sono le parole d’ordine che il Consorzio Tutela Grana Padano si è dato per i prossimi anni" - spiega il Direttore Generale, Stefano Berni - "Per mantenere questi impegni abbiamo adottato standard rigorosi che tutte le stalle dovranno rispettare e investiamo nella ricerca per migliorare sempre più i parametri ambientali di tutta la filiera”.

Questo telo, fatto con un materiale sostenibile come il lino, rispetta da sempre questi principi, compreso il suo riuso nelle pulizie del caseificio dopo l’utilizzo nella produzione. 

Quelli con storie diverse donati a Lisa Casali sono arrivati nelle mani di una stilista, profonda conoscitrice dei tessuti naturali e dello stile romantico.
Gli schiavini “le parlavano”, lei li ha ascoltati come in una fiaba e trasformati nell’abito del giorno più bello, per continuare a regalare emozioni ed abbracci.

 

Tag:  abiti da sposa anti-sprecoabito da sposa in linoabito da sposa sartorialeabito da sposa tessuto riciclatoLisa Casalimatrimonio ecologicomatrimonio sostenibilenozze greenschiavinowaste couture

Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner